La logistica di Natale 2020 – Il case history di Poste Italiane

Il 2020 è stato un vero e proprio stress test per la logistica italiana. Da quando l’emergenza Covid ha portato il Paese alle note restrizioni, 1,3 milioni di persone in più si sono riversate sull’e-commerce, e insieme agli habitué dello shopping online hanno generato una crescita economica del 31% delle vendite su Internet. Ciò ha rischiato di mandare in tilt corrieri e fornitori, mettendo le società di spedizioni nella condizione di dover rispondere così repentinamente a una nuova tipologia di retail.

 

L’ultimo periodo dell’anno – quello che intercorre fra il “Black Friday” e il Natale – è sempre il più caldo per la logistica, in quanto il volume di pacchi da processare aumenta in maniera esponenziale. Nell’articolo Poste Italiane investe in logistica e tecnologia per prepararsi al Natale pubblicato da “Il Sole 24 Ore”, si capisce come una buona supply chain possa essere in grado di attutire qualsiasi stoccata del mercato. Infatti: <<Un milione e 800 mila pacchi in soli tre giorni: il Black Friday è stato un esame superato a pieni voti dalla rete logistica di Poste Italiane, nonostante l’intenso carico a cui è stata chiamata nell’ultimo weekend di novembre. Gli esami, però, non si improvvisano. Poste Italiane ha adottato una serie di misure […] Sono aumentati del 40% i voli di Poste Air Cargo, il vettore aereo di Poste Italiane, con nuovi collegamenti durante il fine settimana da Roma e Brescia verso le Isole Maggiori, la Calabria e la Puglia. Sono circa 3.000 i camion che ogni giorno attraversano la nostra penisola, trasportando pacchi da una parte all’altra del Paese>>.

 

A ciò si aggiungono i nuovi centri di smistamento, come quelli di Malpensa (35mila pacchi al giorno), Roma e Bologna, e i 35mila fra corrieri e portalettere che hanno assicurato il soddisfacimento delle spedizioni. Anche l’utilizzo di mezzi green come i tricicli elettrici ha consentito un miglioramento della city logistics, nonché un minor impatto ambientale.

 

Poste Italiane ha sottoscritto diverse joint venture con importanti aziende del settore per aumentare la capacità della sua piattaforma logistica, investendo così anche nell’ambito delle nuove tecnologie. Per concludere, come leggiamo nell’articolo: <<In vista del periodo natalizio Poste sta inoltre rafforzando con assunzioni a tempo determinato la rete dei portalettere su tutto il territorio nazionale, ha aumentato con circa 2000 nuovi mezzi la flotta per il trasporto su gomma e potenziato il trasporto […] è stata inoltre potenziata la rete “Punto Poste”, formata da “locker” automatici e tabaccai, che si affianca alla già capillare rete degli uffici postali anche per i servizi di riconsegna e cambio della merce acquistata>>.