L’idea del supermercato 4.0 che cambierà il modo di fare la spesa

Duemilacinquecento metri quadri su due piani con certificazione energetica A, cinquemila sensori digitali connessi con la sede centrale di Pioltello (MI) per tenere sotto controllo consumi energetici ed emissioni di CO2, un tetto interamente coperto dall’impianto fotovoltaico, illuminazione totalmente a led, sei postazioni di coworking, e – soprattutto – pagamenti tramite smartphone: è questo il supermercato del futuro. La spesa non sarà più la stessa in Viale Famagosta a Milano, dove Esselunga ha deciso di puntare sulla logistica 4.0 rivoluzionando la quotidianità dei consumatori. Ma i cento milioni investiti dal leader della distribuzione al dettaglio comprendono un’area molto più vasta: ottantamila metri quadri comprati dal Comune di Milano per 40 milioni di euro, con la costruzione di una piazza pubblica, residenze sociali per le persone più disagiate, strade intorno alla stazione della metro, un bar e una pista ciclabile: e sarà tutto hi-tech, dando la possibilità ai clienti di scegliere i prodotti tramite schermo. Per non parlare delle ricadute di questo mega-progetto nel campo del lavoro: si parla di 137 addetti con 75 assunzioni nuove di zecca.