Il programma Interreg IPA CBC Italia-Albania-Montenegro

Martedì 9 maggio presso il Relais Histò San Pietro sul Mar Piccolo si è tenuto il primo meeting che ha riunito i tre Paesi Italia, Montenegro e Albania protagonisti del progetto «PORTS – Partnership for the Observation and study of new Routes and Transnational Sea- highways». Il progetto è promosso nell’ambito del programma «Interreg IPA CBC Italia-Albania-Montenegro», quest ultimo illustrato da Aurora Maria Losacco, Joint Secretariat of the IPA CBC «Italy-Albania-Montenegro» Programme.

Il programma si innesta nello scenario di cooperazione in area adriatica e coinvolge due regioni italiane (Puglia e Molise) e i due stati Albania e Montenegro, in fase di pre-adesione alla Comunità Europea.
Gli obiettivi mirano a una crescita inclusiva e sostenibile degli assi ritenuti prioritari e l’avvio di nuove politiche, oltre alla realizzazione di prodotti e servizi per i settori cardini della nostra economia.
Gli assi prioritari sopracitati sono quattro:

  1. Sostegno alla cooperazione transfrontaliera e alla competitività delle PMI
  2. Gestione intelligente del patrimonio naturale e culturale per la valorizzazione del turismo transfrontaliero sostenibile e per l’attrattività dei territori
  3. Protezione dell’ambiente, gestione del rischio e strategie per ridurre le emissioni di carbonio
  4. Incremento dell’accessibilità transfrontaliera, promozione dei servizi di trasporto sostenibili, miglioramento delle infrastrutture pubbliche – asse sul quale è stato applicato il progetto PORTS

Le proposte sottomesse al programma sono state 190 per un ordine di grandezza finanziario superiore a quello a disposizione che inizialmente era di 25 milioni di euro, budget in seguito incrementato di altri 7 milioni di euro per un totale di 32 milioni.
Il check di eleggibilità e di qualità è stato effettuato secondo il principio dei 4 occhi più il coinvolgimento dei  NIPs (National Info Points in Albania e Montenegro) e a conclusione delle verifiche sono stati ammessi al finanziamento 32 progetti con una distribuzione di budget per asse prioritario coerente con il numero dei progetti ammessi:

  • 24 % per il primo asse
  • 40 % per il secondo asse – 14 progetti ammessi a finanziamento
  • 22 % per il terzo asse
  • 14 % per il quarto asse – su 10 proposte sottomesse, sono stati ammessi a finanziamento 4 progetti

Il vantaggio del programma, anche in un’ottica di programmazione europea futura 2021-2027, sta nella sana gestione dei partner dei singoli progetti che si impegnano a raggiungere risultati concreti, garantire un buon flusso di informazioni, acquisire un efficiente sistema di immagazzinamento e archivio dei dati e a raggiungere i target delle attività e di spesa pianificati.